Luigi Pirandello

Luigi Pirandello è un altro grande scrittore italiano del Novecento, interprete di quella nuova visione del mondo che, priva delle certezze del Positivismo, cerca di indagare la complessità e l’incomprensibilità dell’esistenza umana. Sebbene con qualche perplessità, anche Pirandello (1) di cui potete qui vedere dei video concernenti la  biografia e le opere, viene annoverato  fra gli appartenenti al Decadentismo.

Italo Svevo

Italo Svevo (1)  è uno dei più grandi narratori del Novecento italiano. Leggeremo un brano  tratto dal suo romanzo “La coscienza di Zeno” (1) che prende spunto dalle scoperte di Sigmund Freud, di cui vi ho parlato in classe, sull’”inconscio” e sulla psicoanalisi.

Sono certamente argomenti difficili, ma dovete comprenderne almeno gli elementi di base perché rappresentano una svolta nella visione dell’uomo con ripercussioni rivoluzionarie anche nell’arte.

Gabriele D’Annunzio

Abbiamo visto un altro grande autore appartenente al Decadentismo: Gabriele D’Annunzio, di cui potete vedere anche questo  bel documentario  tratto dalla trasmissione televisiva “Correva l’anno”.

Questo è un sito dedicato alla sua vita e alle sue opere, mentre questa è un’ottima interpretazione della poesia “La pioggia nel pineto”  che  esamineremo in classe.

Il Decadentismo. Giovanni Pascoli

Nelle scorse lezioni abbiamo esaminato i termini “darwinismo“, “positivismo” e soprattutto, “Decadentismo” (di cui trovate qui una breve presentazione video).

A proposito di quest’ultimo, abbiamo visto come Giovanni Pascoli sia considerato uno dei massimi rappresentanti italiani di questa corrente letteraria. Cliccando qui potete vedere un breve video sulla sua vita e la sua opera, mentre questo è il testo recitato sul  “fanciullino” di cui vi ho parlato. Questa invece è una sintetica mappa concettuale che esprime in maniera semplice la sua visione della vita.

Queste sono alcune sue poesie di cui potete godere la bellezza fonetica grazie alla recitazione di ottimi attori: “Lavandare“, “La mia sera“, “Novembre“.

Fabrizio De André. Un poeta contemporaneo

Dopo aver  esaminato “Bocca di Rosa”, vorrei che continuaste ad apprezzare questo nostro grande cantautore, Fabrizio De André,  approfondendo altre sue canzoni sul piano del contenuto (punto 1),  del testo (punto 2) e della musica (punto 3). Ecco le varie canzoni: Geordie (1, 2 e 3), La canzone di Marinella (1, 2 e 3), Via del Campo (1, 2 e 3), La guerra di Piero (1, 2 e 3),  Fiume Sand Creek (1, 2 e 3), Creuza de ma (1, 2e 3). Ovviamente sono solo alcune, se poi voi volete abbondare  per conto vostro (Il pescatore, Volta la carta, Don Raffaè, Carlo Martello,  ecc. ) ben venga!

Dopo aver analizzato le varie canzoni, scrivete un testo nel quale commentate quella che vi è maggiormente piaciuta elencando i motivi per i quali l’avete scelta e riportando i versi che vi hanno colpito di più.

Mi auguro che questo “esercizio” vi faccia capire come la “letteratura” possa trovare varie forme espressive e quindi come la poesia non sia soltanto quella che troviamo nei libri, ma anche quella di molte belle canzoni italiane i cui contenuti possono riguardare anche temi particolari e “difficili” come quelli affrontati da Fabrizio De André, un poeta contemporaneo.

Giovanni Verga

Giovanni Verga è un altro grande scrittore italiano che aderendo al Verismo, movimento letterario che si ispira al Naturalimo francese, narrerà l’arretratezza delle regioni meridionali all’indomani dell’Unità d’Italia.

Qui potete leggere molte delle sue opere migliori in formato elettronico.

Cliccando qui  invece, e spostando il cursore sul lato destro dello schermo fino a pagina 52, trovate la novella “La lupa” (di cui dovete fare un riassunto). Come vi ho anticipato in classe, questa novella traccia  la figura di una donna alquanto anticonvenzionale per i suoi tempi, certamente anche lei una “vinta”, ma la cui “selvatichezza” è in qualche modo una dichiarazione di autonomia, di indipendenza.

Leggetela con attenzione.

Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi (12 e 3) è senz’altro uno dei più grandi scrittori italiani, un uomo che ha fatto della propria sofferenza il fondamento di un’indagine filosofica e di una creazione letteraria straordinarie. Questo è un bel documentario a lui dedicato, mentre questo è un video molto simpatico che vi consiglio di non perdere.

Qui invece una mappa concettuale ben articolata

Qui potete trovare una bella interpretazione de “L’infinito”  che dovete imparare a memoria, mentre questa è “A  Silvia“, tanto triste quanto bella.

Ugo Foscolo

Iniziamo con Ugo Foscolo (1 e 2)  il fantastico programma di Letteratura di questo ultimo anno. Come vi ho detto egli rappresenta il maggior esponente italiano del Neoclassicismo di cui potete vedere qui un bel video.

Questa è una interessante lezione relativa alla sua vita che potete scaricare anche in formato mp3. Mentre queste sono alcune mappe mentali (1, 2 e 3) già pronte che vi aiuteranno a studiarlo.

Queste invece sono delle buone declamazioni di alcune fra le sue più belle poesie che studieremo (pure a memoria) anche noi: A Zacinto, Alla sera, In morte del fratello Giovanni. Sono tutte tratte dai “Sonetti” di cui troverete qui l’edizione digitale completa.